Tisana al tarassaco

tisana al tarassaco

Tisana al tarassaco: i fiorellini gialli più famosi al servizio del nostro benessere

Il tarassaco, una pianta comunissima a lungo sottovalutata

tisana al tarassacoLa tisana al tarassaco è una risorsa inaspettata e a portata di mano. Se il nome “tarassaco” non vi è familiare, forse il più comune “soffione” o “piscialletto” vi illuminerà.
Questa pianta si trova durante tutto l’anno in ogni prato, con le sue lunghe foglie e gli inconfondibili fiori giallo vivo, che si aprono al sorgere del sole e stanno chiusi la notte. I bambini amano raccoglierli, soprattutto giunti al termine della fioritura, per farli volare via nell’aria con un soffio.
Nel corso della storia, il tarassaco non fu presto riconosciuto per le sue proprietà al servizio della salute: non se ne fa cenno prima del XV secolo e anche in seguito, a parte sporadiche citazioni, la medicina ufficiale ne ignora le virtù.
Solo nel ‘900 questa pianta viene improvvisamente riabilitata: oggi le sue virtù sono universalmente riconosciute, tanto che viene chiamata “tarassoterapia” ogni cura che ricorra al tarassaco.

Tutte le virtù della tisana al tarassaco

Preparare questa tisana in casa è molto semplice e può apportare grandi benefici all’organismo. Essa ha infatti proprietà depurative, per eliminare le tossine e fornisce un ottimo alleato per le “cure di primavera“. La tisana al tarassaco presenta inoltre degli alcoli che stimolano la secrezione biliare e i processi di coniugazione delle sostanze tossiche dell’organismo, prevenendo anche i calcoli biliari.
La tisana al tarassaco ha anche effetti diuretici e stomachici e può essere utile in caso di stitichezza.

Come preparare la tisana al tarassaco

Per la vostra tisana al tarassaco avrete bisogno di una pianta con foglie e radici. Lavate accuratamente il tarassaco con acqua corrente, stando attenti a non lasciar alcun residuo di terra. Provvedete poi a separare le foglie e le radici.
Queste due parti possono essere utilizzate sia insieme che separatamente, ma richiedono lavorazioni diverse.

Ecco qualche ricetta per realizzare degli infusi al tarassico:

  1. Tisana con foglie di tarassaco: le foglie vanno utilizzate fresche. Immergetene 25 grammi in un litro d’acqua bollente e lasciate in infusione per circa 10 minuti. Dopo di che filtrate il tutto con un colino.
  2. Tisana con radici di tarassaco: prima dell’utilizzo, le radici vanno essiccate. Le dosi da utilizzare sono 15 grammi ogni litro d’acqua. Inseritele in acqua a bollore e lasciate ad infondere per 10 minuti, dunque filtrate il composto.
    Per avere più informazioni su fiori e radici, leggi l’articolo dedicato alla pianta del tarassico.
  3. Se volete smorzare il sapore amaro della tisana al tarassaco, potrete utilizzare altre piante coadiuvanti, in grado di apportare altre proprietà al vostro infuso, e renderlo più gradevole al palato.
    Ecco una ricetta a base di tarassaco, betulla e ortica.
    Gli ingredienti che vi serviranno sono:
  • 50 gr di tarassaco
  • 25 gr di foglie di betulla
  • 25 gr di ortica

Portate a ebollizione l’acqua in un pentolino, immergetevi le erbe e lasciate in infusione per una decina di minuti.
Il vostro infuso è pronto e potrete gustarlo preferibilmente due volte il giorno, mattina e sera.

Per preparare la tisana è necessario lasciare le erbe in infusione in acqua bollente per alcuni minuti. L’infuso può poi essere conservato in un barattolo sigillato.

Quando non bere la tisana al tarassaco: controindicazioni

L’assunzione della pianta di tarassaco, come tisana o altre preparazioni, è sconsigliato nei seguenti casi:

  • Durante gravidanza e allattamento
  • In chi soffra di iperacidità
  • In soggetti affetti da gastrite, ulcera, infiammazione e calcoli delle vie biliari
  • In caso di insufficienza renale, diabete e insufficienza cardiaca
Facebooktwittergoogle_pluspinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “Tisana al tarassaco

    • Alessia L'autore dell'articolo

      Salve Sonia, grazie del tuo commento.
      Per le sue proprietà, la tisana al tarassaco è sconsigliata in gravidanza e nell’allattamento.
      In ogni caso, se ne sconsiglia l’assunzione a scopo PRECAUZIONALE: non dovrebbero esserci conseguenze gravi se, accidentalmente, si è assunta la tisana in gravidanza.
      Ti consiglio una piccola lista delle tisane che si possono assumere durante l’allattamento: http://tisanezenzero.it/argomenti/allattamento/
      Saluti!